L’Asp di Trapani precisa sull’odissea sanitaria di Giacomo Manzo

L’Asp di Trapani risponde ad un cittadino che lamentava “lentezza” nelle procedure di soccorso per un sospetto infarto, avvenute fra due ospedali

Abbiamo pubblicato ieri la drammatica lettera con la quale un lettore raccontava la sua “odissea” sanitaria per un sospetto infarto.  Oggi giunge la precisazione dell’Asp di Trapani su quanto sarebbe accaduto.

Per come è nostra abitudine accogliamo e Pubblichiamo integralmente (per come ricevuta) la nota dell’Asp di Trapani su quanto accaduto – a loro dire – sabato 18 aprile tra gli ospedali di Marsala e Trapani.

Asp Trapani, nessuna “odissea” tra ospedali per cittadino con sospetto infarto
mercoledì 22 aprile 2020
In riferimento a quanto riportato in data odierna da alcuni siti online locali: “Testimonianza di ‘lentezza inaccettabile’ nei soccorsi prestati ad un uomo con sospetto di infarto tra gli ospedali di Marsala e Trapani”; “Marsala, Giacomo Manzo racconta la sua “l’odissea” fra due Ospedali per un sospetto infarto”, la direzione aziendale dell’Asp di Trapani con una nota, precisa quanto segue. Come è noto a tutti, dal 28 marzo la struttura marsalese non accetta più pazienti che non abbiano patologie correlate al Covid-19. La scelta di convertire in “Covid-Hospital” il presidio ospedaliero “Paolo Borsellino “ di Marsala rientra in una pianificazione strategica regionale imposta dalla epidemia coronavirus. Al riguardo è stato elaborato un piano organizzativo delle misure rivolte all’assistenza ospedaliera in considerazione delle risorse umane e delle attrezzature disponibili rispetto al territorio e alla distribuzione della popolazione. Per garantire l’assistenza ai cittadini del comprensorio, all’interno all’ospedale è stata individuata un’area di ’emergenza straordinaria’ in grado comunque di far fronte alle prime necessità, dopo le quali i pazienti vengono trasferiti in altre strutture. In particolare al cittadino sono state comunque prestate le prime cure tra cui visita medica ed eletrocardiogramma normale, così come lo stesso dichiara. “Relativamente all’assistenza ricevuta al P.S. dell’ospedale Sant’Antonio Abate – continua la nota – questa è stata accurata e meticolosa. Il paziente è arrivato in pronto soccorso, con mezzo proprio avendo rifiutato il trasporto in autoambulanza da Marsala a Trapani, alle 13.45 dove è stato immediatamente preso in carico ed ha effettuato elettrocardiogramma, prelievo, curva degli enzimi cardiaci, visita con medico di pronto soccorso per anamnesi e valutazione degli esami. Alle 14.21 è stato effettuato il primo prelievo; alle 17.43 il secondo, alle 20.21 il terzo prelievo. Ovviamente tra un prelievo e l’altro sono stati rispettati i consueti tempi di attesa per l’elaborazione dell’esito. Per tutta la durata del tempo il paziente è stato sempre sotto monitoraggio elettrocardiografico. Il paziente è stato dimesso alle 21.52 con una diagnosi di Dolore toracico. In riferimento a quanto dichiarato negli articolo di stampa circa l’uso di attrezzature funzionanti con nastro adesivo: “La cosa sconcertante è aver constato personalmente l’impiego di attrezzature, quali i monitor, indispensabili al monitoraggio dell’attività cardiaca, tenuti in attività, o meglio dire, funzionanti, con l’impiego dello Scotch o nastro adesivo”, si precisa che la notizia è del tutto infondata, poiché non si trattava di attrezzatura sanitaria ma di un cavetto di rete LAN alla cui terminazione era stato applicato un temporaneo rinforzo con nastro adesivo. Le apparecchiature presenti nelle strutture sanitarie del territorio – si legge nella nota – sono tutte assolutamente funzionanti oltre che di ultima generazione.

Asp di Trapani ”.

 

Gentilissima Amministrazione Sanitaria, siamo grati all’Asp al sacrificio e all’impegno profuso in questa provincia sul fronte di emergenza coronavirus, ma restiamo sempre più convinti della scelta forse non ponderata di trasformare il Paolo Borsellino che serve un bacino di utenza di 100.000 persone, in Covid Hospital. E cosa assai più grave “condanniamo” la scelta di aver lasciato la stessa popolazione senza un Pronto Soccorso efficiente. Pur non entrando nel merito del grado di assistenza ricevuta e/o sui tempi tecnici o logistici di gestione del paziente in questione, il signor Giacomo Alberto Manzo ribadiamo (essendoci consultati con un cardiologo di nostra fiducia) che è ancora tra di noi per il solo fatto che non era affetto da un infarto del miocardio acuto ed esteso.

Alberto Di Paola

CATEGORIE
TAG
Condividi

Commenti

Wordpress (1)
  • comment-avatar
    Giacomo 6 mesi

    ….In riscontro al chiarimento fornito dall’ ASP di Trapani sulla quale non mi soffermo; desidero ringraziare il personale medico e paramedico dei due nosocomi.

    Appare del tutto evidente il silenzio assordante della politica locale e regionale sull’individuazione di uno strategico nosocomio qual’è il Paolo Borsellino di Marsala, come presidio COVID, in un territorio che registra la presenza di 100 mila abitanti (Marsala/Petrosino) e dove si riscontra un tasso di anzianità sopra la media. (vedi dati statistici)

    Chiudo questo mio breve intervento con l’augurio che i politici possano cambiare rotta a favore del territorio sopra citato.

    Cordialmente, Giacomo Alberto Manzo