Aeroporto, pronte azioni legali contro Alitalia

L’U.DI.CON, Unione per la Difesa dei Consumatori, pronta ad avviare azioni legali contro Alitalia per aver abbandonato l’aeroporto di Trapani Birgi

L’U.Di.Con Sicilia è pronta ad adire le vie legali nei confronti di Alitalia e si schiera al fianco della mobilitazione del territorio trapanese e dell’intera Sicilia. Lo dichiara Marco Corsaro, commissario regionale dell’Unione per la Difesa dei consumatori, a seguito della notizia dell’abbandono da parte di Alitalia dell’aeroporto di Trapani-Birgi a partire dal 1° luglio.​

Occorre scongiurare l’abbandono di Birgi da parte della compagnia di bandiera, salvata più volte dalla bancarotta con l’impegno di miliardi di euro dei contribuenti, che da subito costituirebbe un grave danno per il turismo siciliano.

“La fuga di Alitalia da Trapani – aggiunge il commissario provinciale U.Di.Con Trapani Michele Amato – proprio adesso che si tenta di uscire dalla crisi del coronavirus e che i voli da e per la Sicilia assumono valenza socio-economica cruciale, rappresenta un colpo alle spalle dei cittadini-consumatori dell’Isola”.

Purtroppo sul Vincenzo Florio continuano a spirare venti di tempesta: l’Alitalia che abbandona l’aeroporto di Trapani è solo l’ultima goccia, di un vaso stracolmo di soprusi e angherie, frutto sicuramente di una oscura strategia che sembra aver condannato a “morte” l’economia del trapanese è minano la stabilità della Sicilia Occidentale.
Teorie complottiste?
No, evidenza dei fatti: “se Alitalia taglia il 100% dei voli sul Trapani Birgi e contestualmente raddoppia le rotte su altri aeroporti viene lecito chiedersi chi manovra tali decisioni per danneggiare il Vincenzo Florio.
Le compagnie low cost minacciano la fuga a causa delle norme del ‘Decreto rilancio’, mentre i costi dei biglietti aerei sempre più “stratosferici”. La Sicilia e i siciliani sono stretti in una vera e propria limitazione della mobilità nel Paese che lede in diritto al mantenimento della continuità territoriale. Nessuno tiene conto dei diritti dei passeggeri e delle oggettive esigenze del territorio, per non parlare poi delle gravi conseguenze al settore turistico
“L’Unione per la Difesa dei consumatori, si associa alla mobilitazione avviata dal Governo regionale, dai sindaci, dall’Anci e tutte le altre sigle. Saremo presenti – aggiunge il commissario provinciale U.Di.Con Trapani Michele Amato — al Flash mob di protesta organizzato all’aeroporto da Airgest il prossimo mercoledì 17 giugno, perché Birgi vuole volare”.
Nel piazzale antistante il Vincenzo Florio cittadini, rappresentanti della politica, dell’economia, delle associazioni e gli operatori turistici daranno vita ad un flash mob, facendo volare simbolicamente degli aereoplanini tricolore per affermare il proprio diritto a volare. La manifestazione si svolgerà nel pieno rispetto delle distanze anti Covid-19 e sarà trasmessa anche sulla pagina Fb dell’aeroporto https://www.facebook.com/airgest/. Ad ognuno è richiesto di portare la propria mascherina oltre ad un proprio aeroplano di carta.
CATEGORIE
TAG
Condividi

Commenti

Wordpress (1)
  • comment-avatar
    Fabio 1 anno

    Io penso che sotto c è qualcuno che si diverte o che non vuole che l’aeroporto di Trapani decolli. I motivi mi riconducono a due anni fa quando è stato fatto un bando fra l’altro aggiudicato dalla Ryanair, ma subito contestato e portato al TAR perché non congruo con la tipologia di bando parliamo di “Alitalia”. Benissimo si rifà di nuovo il bando e l’Alitalia lo snobba con solo due voli fra cui i più gettonati, senza firmare nessun contratto. Ora abbandona del tutto Trapani senza motivi validi, ma con tante assurdità. Ora vorrei capire se l’ aeroporto fa’ scomodo a qualcuno perché non si chiude invece di prendere per il c….. I Trapanesi, e si concentra , come vogliono ,tutto a Palermo, ma solo dopo aver potenziato le linee ferroviarie, in 1/2 a Trapani o Marsala,dare la possibilità ai nostri taxi di entrare a far parte dei trasporti da/per Trapani, potenziare i pullman fino all’arrivo del ultimo aereo. Ed allora si che i Trapanesi non verranno presi più per il c…., ma potranno regolarsi di conseguenza. Grazie a te che non vuoi Trapani fra le mete turistiche perché città piena di cultura, bellezze paesaggistiche, di gente accogliente e di tanta storia.