Aeroporto di Trapani Birgi: che fine hanno fatto i 2 milioni e mezzo di euro dei danni della guerra in Libia

Una istanza di accesso agli atti è stata è stata presentata dai legali dell’associazione “Osservatorio per la legalità e per i diritti violati”.

Birgi, tempi lunghi per le nuove tratte: operatori turistici in apprensioneL’iniziativa, ai sensi della recente legge sul procedimento e la trasparenza amministrativa, mira a far luce sull’utilizzo dei fondi – si tratta di circa 2,5 milioni di euro – che erano a disposizione dell’ex Provincia regionale da utilizzare per il piano straordinario di promozione turistica a sostegno dell’attività dell’aeroporto “Vincenzo Florio” di Trapani.

L’istanza è stata presentata dagli avvocati Vincenzo Maltese e Filippo Spanò, rispettivamente presidente e vice presidente dell’associazione “Osservatorio per la legalità e per i diritti violati”. In particolare, secondo i due legali, non è ben chiaro il motivo della restituzione solo parziale delle somme nè dove sia stata destinata la restante somma di 1 milione e mezzo di euro.

“Con l’istanza di accesso agli atti – proseguono i due avvocati – si è chiesto di conoscere i motivi del parziale riutilizzo o restituzione di una parte delle somme che erano state assegnate al territorio a fronte dei danni causati dal blocco dei voli per la guerra in Libia nel 2011 e di conoscere il motivo per cui gli uffici regionali preposti pare non abbiano dato riscontro alle note di chiarimento inviate dal Libero Consorzio Comunale circa l’assegnazione delle somme.

Adesso i destinatari avranno 30 giorni per rispondere. In caso contrario saranno valutate tutte le conseguenti azioni dinanzi le sedi preposte”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.