Marsala, chiude il Centro Accoglienza Covid per gli immigrati di via Mazara a seguito raccolta firme della Lega

La Lega con una raccolta firme ha fatto chiudere il Centro di Accoglienza Covid di via Mazara, teatro negli ultimi tempi di rivolte e fughe

La richiesta di chiusura del Centro di Accoglienza Covid di via Mazara è stata accolta. L’iniziativa, basata su una raccolta di firme, era stata proposta dal “Comitato cittadino per la Salute di Marsala”, con il Presidente Pro-Tempore Lorena Angileri, in collaborazione con la sezione Lega Salvini Premier di Marsala. Le autorità preposte ora hanno dato esecutività immediata al trasferimento degli immigrati ospitati nel Centro di Accoglienza di via Mazara in altre sedi.

“La raccolta firme, con la quale si chiedeva la chiusura del centro accoglienza Covid per gli immigrati, sito in via Mazara 238,  è stata finalmente accolta – commenta Vito Armato, Commissario cittadino della LEGA Marsala -; i cittadini sono stati ascoltati. La notizia era nell’aria da qualche settimana, dettata dai tanti casi di fughe registrate, che hanno provocato danni alle proprietà private circostanti alla struttura di accoglienza, violenza e violazione della proprietà privata. Tali fatti hanno provocato ansia e terrore, soprattutto alle persone anziane, provvedendo così all’immediata raccolta firme, alla quale ha partecipato gran parte della cittadinanza marsalese”.

“Ci auguriamo che il provvedimento di chiusura sia definitivo – continua Vito Armato, Commissario cittadino della Lega Marsala -. Colgo l’occasione per ringraziare i tantissimi marsalesi che hanno firmato il documento e hanno accolto positivamente la nostra proposta, i ragazzi di Lega Giovani Marsala e provincia di Trapani, la responsabile Lega agli Enti Locali Sicilia Occidentale Maricò Hopps, il vice-segretario regionale Lega Francesco di Giorgio, le persone che ci hanno segnalato il problema, il Prefetto per aver compreso la gravità della situazione, e l’On. Alessandro Pagano, Vice Presidente del gruppo parlamentare Lega alla Camera dei Deputati”
CATEGORIE
TAG
Condividi

Commenti

Wordpress (2)
  • comment-avatar
    S..P. 2 mesi

    Il problema in se non è il centro di accoglienza bensì la cattiva gestione.
    Un centro di accoglienza, se si vuole mantenerlo attivo, abbisogna di una ottima struttura e non essere sopraaffollato e la presenza di forze dell’ordine istruite per tale funzione.
    Purtroppo tutto quello che serve nei centri di accoglienza italiani manca.
    Massima comprensione per i cittadini che hanno richiesto la chiusura.
    In un paese normale il centro sarebbe stato chiuso dalle forze dell’ordine senza raccolte di firme ed interventi politici.

  • comment-avatar
    Salvatore Armando Santoro 2 mesi

    Certo che fa senso leggere che i siciliani si facciano condizionare dalla Lega e chiudere un centro di accoglienza. Proprio i Siciliani che l’accoglienza l’hanno inventata. Sto finendo di leggere un romanzo (Il Ferro ed il Telaio) scritto da una amica che lavora in California, Idà Flavia, originaria di Vibo Valentia, e nel suo volume si parla anche di accoglienza che al Sud è stata sempre una virtù.