Il “bluff” del Sindaco, gli zingari restano, cambiano solo domicilio

Negli ultimi tempi, per certe notizie, non c’è neanche il tempo di esultare che si scopre il rovescio della medaglia che va ben oltre ogni immaginazione. L’ultimo “bluff” del sindaco di Marsala è stata l’ordinanza con la quale si sgombrava l’aria addiacente  il Monumento ai Mille dalla poco gradita presenza dei nomadi (zingari e non) che l’avevano eletta a residenza abituale. Il primo cittadino, si è letto sul comunicato stampa del Comune, annunciava con toni trionfali la grande vittoria conseguita nel nome del popolo, per la difesa della salute, dell’odine, della sicurezza e del decoro pubblico.  Una dichiarazione strappa applausi, capace di far commuovere pure il “camerata” Salvini,  simpatizzanti ed affini….
Scopriamo oggi, da un documento politico a firma del consigliere comumale Giovanni Sinacori, che nessuna vittoria è stata conseguita sul fronte dei bivacci delle popolazioni nomadi in Città. Con la stessa ordinanza il sindaco ha disposto l’inutilizzo del parcheggio di via Colonello Maltese per la sosta prolungata, il bivacco, l’impianto di tende e quant’altro non inerente a quanto si possa fare in un parcheggio pubblico, ma ha ufficialmente consegnato le chiavi di un’altra area. Stiamo parlando dell’area attrezzata di via della Gioventù-via degli Atleti, impiegata per le fiere, il mercato settimanale del martedí, gli spettacoli viaggianti e gli eventi in genere su piazza pubblica. Con tale ordinanza il sindaco ha aperto ufficialmente le porte della città alle popolazioni nomadi viaggianti, zingari e non, incurante dell’importanza che riveste tale area concessa al vile degrado, e che si trova proprio nel cuore della città, nella zona degli impianti sportivi. Si ha l’impressione che questa Amninistrazione si prenda gioco della città e delle aspettative, legittime, di quanti l’hanno votata. I problemi, se si ha il coraggio, si affrontano e vanno risolti anche al rischio di rendersi impopolari. Non ha senso predicare bene e poi non razzolare nella stessa direzione. Comprendiamo che il primo cittadino è affascinato  della “propaganda” di chi copia ed incolla sui media i “suoi” proclami… ma far passare una “sconfitta” per una vittoria, ce ne vuole. Visto i risultati… sarebbe meglio che su certe delicate questioni il sindaco si consigliasse  con la sua “squadra”, prima di porre in essere ordinanze del genere. Se da un lato non vedremo più – forse – “accampamenti” nel parcheggio dell’ex Salato, dall’altro abbiamo “legalizzato” in libero bivacco in zona stadio. Questa è l’altra faccia della medaglia a cui ci riferivamo. Lasciamo ai lettori ogni riflessione o commento…
Pubblichiamo integralmente la lettera del Consigliere Comunale Giovanni Sinacori
“Finalmente!” è la prima cosa che ci viene da dire, nelle vicinanze del monumento ai Mille alle porte del salotto della città, finalmente sicurezza e pulizia. Diversi consiglieri comunali hanno più volte “rimproverato” il Sindaco di immobilismo sulla questione, quindi ora andrebbe riconosciuto il merito della decisione. Leggendo bene l’Ordinanza si apprende che l’occupazione dell’area con fenomeni di campeggio, bivacco e accampamento ha provocato anche problemi di sicurezza urbana, quali fenomeni di vandalismo, furti e accattonaggio, nonché lo scadimento delle qualità urbane del patrimonio pubblico, oggetto di degrado e di utilizzo senza rispetto del pregio e della natura collettiva dello stesso, rendendo necessario l’intervento delle forze di polizia.Mi pare chiaro che la situazione è seria ed è necessario, urgente ed indifferibile agire.

A seguire nell’Ordinanza si comunica che il comune di Marsala dispone nell’ambito del proprio territorio di un’area denominata “area attrezzata via della Gioventù-via degli Atleti, con annesse strutture igienico sanitario da destinare a campeggio”, quindi facendo una semplice riflessione, spostiamo il bivacco ed il campeggio dal parcheggio del salato a via della Gioventù/Atleti.

Abbiamo risolto i problemi di sicurezza urbana, quali fenomeni di vandalismo, furti e accattonaggio, ai turistiche difficilmente vanno in zona stadio nascondiamo la vista sgradevole di tanto scempio, facciamo zittire i consiglieri comunali e siamo a posto. No signor Sindaco, non ci sto.

La Sua è una Ordinanza beffa, Lei non sa come tentare di risolvere il problema e lo ha rimandato in via Gioventù/Atleti. Quella si chiama area attrezzata perché ospita un’attività produttiva, il mercatino, gli spettacoli itineranti, mostre e fiere nonché eventi quali, a partire da domani, il Moto Raduno nazionale.

Ha Lei l’idea di come era ridotta quell’aria quando abusivamente vi bivaccavano? Ha idea dei costi e dei sacrifici che ci sono voluti per recuperarla? Evidentemente no signor Sindaco. E cosa pensa degli abitanti di quel quartiere? Saranno contenti di veder bivaccare e campeggiare persone che altrove, a detta dell’Ordinanza, sono stati i fautori di quei problemi di sicurezza urbana, di vandalismo, furti e accattonaggio?

No caro signor Sindaco, Lei ha avuto due anni di tempo per comprendere, studiare approfondire il fenomeno che riguarda “La Strategia Nazionale d’Inclusione dei ROM, dei SINTI e dei CAMINANTI”, ha avuto due anni di tempo per prendere i contatti necessari con l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, ragionare sulle direttive emanate, rappresentare i problemi della città, trovare una soluzione dignitosa e definitiva. Ha agito d’impeto (anche se dopo due anni!), via il campeggio ed il bivacco dal salato, destinazione area attrezzata!!!

Le assicuro signor Sindaco che non passeranno altri due anni per una nuova Ordinanza di Sgombero, perché, Le ripeto, il problema è stato “solo spostato” non risolto, nella speranza che nel frattempo Lei o i Suoi collaboratori troviate la voglia di affrontare seriamente la questione.

Giovanni Sinacori
Consigliere Comunale”

CATEGORIE
TAG
Condividi

Commenti

Wordpress (0)