A A A CERCASI candidato ideale per la prima poltrona di Marsala

Marsala ha bisogno di una buona guida, ma anche di idee, progetti e determinazione a realizzarli

Mai così tanta confusione si era registrata a Marsala per un avvio di campagna elettorale. Negli ultimi giorni si sono fatti i nomi più svariati di una ventina di personaggi che, a vario titolo pensano di avere tutte le carte in regola per guidare Marsala per il prossimo quinquennio amministrativo. Nulla da obiettare su gran parte degli “aspiranti sindaci” o divenuti tali perché sono stati lanciati nel vortice elettorale che ha investito Marsala, da partiti, movimenti e liste civiche.

marsala-vsita-dall'alto-panoramica-cupola-chiesa-madre-porto-cielo-mare-marsalanews

Il male è che ciò denota tanta ambizione e poca parsimonia a creare larghe convergenze di idee, soggetti, progetti comuni ed individuazione delle necessarie risorse economiche per risollevare quella che ci piace tanto ricordare come la “Piccola Parigi del meridione d’Italia”. Erano gli anni in cui il vino, come un locomotiva impazzita, tirava l’economia della città, divenendo modello di sviluppo per diverse aree geografiche della Sicilia, dove i vigneti hanno sostituito le distese coltivate a foraggio o addirittura adibite a pascoli. Tralasciamo la nostalgia per un npassato che difficilmente potrà ritornare, ma è giusto e sacrosanto che questa città trovi un sindaco con “gli attributi”, che inizi dalla sistemazione dei conti della spesa pubblica pere avventurarsi ad iniziative che possano far crescere la città ed i suoi cittadini. In tal senso abbiamo ricevuto, e pubblichiamo in maniera integrale qui di seguito, un appello lanciato dal Dirigente Scolastico Maria Grazia Sessa.   

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Maria-Grazia-Sessa-Nuova-1“In queste ultime settimane si dice e si scrive molto a proposito del candidato per il ruolo di Sindaco del Comune di Marsala. Ogni giorno viene fuori un nuovo nominativo. Solo nomi! Ma dove sono i programmi? Sarebbe bene prima ragionare su ciò che desiderano gli abitanti di una città per una migliore qualità della vita, e, solo dopo, ipotizzare qual è il “Sindaco ideale”. Non credo che i cittadini, potenziali elettori, si possano innamorare semplicemente di un nome, ma forse di un programma sì. Un programma attento a tutti gli aspetti necessari ad una città come Marsala, quinto comune della Sicilia comprendente un vasto e vario territorio, dalle stupende contrade al delizioso centro. Ma quale potrebbe essere il profilo del “Sindaco ideale”? Non certo non Sindaco che si lamenta della mancanza di soldi nelle casse del Comune e che piagnucola se i cittadini non pagano le tasse. Il primo cittadino, e non per nulla si chiama così, è quello che si mette in moto per primo, per ottimizzare le risorse esistenti e per cercare di procurarsi finanziamenti e contributi, agendo in modo sistematico e intelligente, circondandosi di uno staff che persegue lo stesso scopo. Qualche candidato promette che sarà un Sindaco che si occuperà delle infrastrutture (strade, marciapiedi, scuole, fontane, ecc.) e dei servizi (trasporti, immondizia, verde pubblico, ecc.). Mi chiedo se è questo il compito di un Sindaco o stiamo parlando piuttosto di ciò che è una normale gestione degli uffici comunali preposti a questo tipo di lavoro? E’ pur vero che il Sindaco deve porre le necessarie premesse per garantire infrastrutture e servizi, ciò costituisce la sua Mission, tuttavia il compito più alto e nobile, cioè la sua Vision, è di far volare la città in alto, farla diventare indimenticabile nel mondo e nei secoli, e ciò avviene quando si sanno valorizzare le risorse caratteristiche di quel territorio. Come Picasso, Parigi, La Gioconda, il Colosseo, la Ferrari sono nomi universalmente stimati, nomi di fama intramontabile, una fama che non potrà mai essere scalfita né da eventi né da cambiamenti, così Marsala, consentitemi questa metafora, dovrà essere una città indimenticabile, in cui i cittadini vivono e lavorano bene e i turisti desiderano ritornare. Credo che il “Sindaco ideale” sia colui che, studiato il territorio, lo promuove e lo valorizza per quelle che sono le sue unicità. I monumenti, i palazzi, le chiese e le fontane sono presenti in ogni città. Marsala ha delle sue unicità, per esempio il vino Marsala, lo Stagnone, le Saline, Mozia, la Nave Punica. Sono queste le principali “carte vincenti” da giocare per fare di Marsala una città indimenticabile e orientarla verso uno sviluppo internazionale, con le sue risorse uniche che però hanno bisogno di un lungo lavoro di valorizzazione e difusione per diventare una vera ricchezza. Chiunque abbia in mente un programma fondato sul futuro e sulle nuove generazioni è sicuramente una persona che sa apprezzare ciò che natura e cultura hanno dato a questa città e che costituiscono l’opportunità di crescita per tutti, non limitandosi invece a interventi contingenti che riguardano soltanto la normale amministrazione. Per concludere, mi rivolgo a tutti i cittadini elettori che, come me, a maggio nell’urna potranno segnare la preferenza fra i candidati a Sindaco, e chiedo loro di porsi una domanda prima di scegliere: Questo candidato ha solo un bel nome o ha già fatto qualcosa per Marsala e soprattutto preparerà uno splendido futuro per la nostra splendida città?

 Maria Grazia Sessa”

CATEGORIE
TAG
Condividi

Commenti

Wordpress (2)
  • comment-avatar
    Patti Charlie 6 anni

    Leggo il titolo dell’articolo: “A A A CERCANSI candidato ideale per la prima poltrona di Marsala”. Faccio osservare che grammaticalmente questo titolo porta un errore grammaticale. Esattamente sulla parola “CERCANSI” la quale, se si scorporasse, dovrebbe potersi leggere “SI CERCAN”. Ma quanti sindaci cercate? Uno, nessuno o centomila? Baciamo le mani

    • comment-avatar

      la ringrazio per la precisazione, anche se le devo dire che a me da cittadino non dispiacerebbe poter scegliere un sindaco fra almeno 4 contendenti di alto livello. PURTROPPO abbondano i “quaquaraquà”!