“Zone franche montane”, in Sicilia sono 158 le aree finanziabili dal PNRR

Avviato in Sicilia il progetto “Zone Franche Montane”,  forse entro fine anno saranno disponibili i primi 20 milioni di euro. Il modello siciliano é innovativo ed ha anticipato il PNRR

Un progetto tutto siciliano “avveniristico” che ha anticipato, di molti anni, le misure inserite nel PNRR e destinate proprio a rivitalizzare i territori. In questo scorcio di fine mese di Aprile 2022 finalmente una “quasi” buona notizia per gli attivisti siciliani impegnati a realizzare le “zone franche montane”  site nelle  “ Terre Alte di Sicilia”. Pare che ormai, a breve, arrivi il primo stanziamento di 20 milioni di euro destinato alle prime attività propedeutiche alla realizzazione di questo importante progetto di autonomia locale destinato allo sviluppo delle “terre alte” Siciliane.

TERRE alte di Sicilia: le Agevolazioni.

Le terre alte di Sicilia sono costituite dai Comuni con meno di 15000 abitanti ed ubicati a, per lo meno, 500 metri di altezza sul livello del mare. Il Progetto delle “ZONE FRANCHE MONTANE”  ha iniziato il suo lungo cammino burocratico circa 7 anni fa. L’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato  questa “misura politica” il 17 Dicembre 2019. Le Agevolazioni  per le attività poste in essere nelle “Terre Alte” riguardano:

– il profilo fiscale, e quindi le imposte dirette che , per i primi dieci periodi di imposta vengono scalati dal 100% al 20%.

– Imposte dirette: 

– Esenzione del reddito prodotto nell’interno della zona franca.

– Esenzione ai fini IRAP e dell’IMU sugli immobili posseduti ed utilizzati per l’esercizio dell’attività

– il profilo previdenziale attraverso finanziamenti nei confronti dell’Istituto Previdenziale, e quindi esonero del versamento dei contributi da lavoro dipendente.

I Finanziamenti..

In linea di massima le risorse regionali sono disponibili e pure la Corte di Giustizia Europea si è espressa su questa materia. La volontà politica in Italia ed il disegno di Legge 1708. Il 22 Ottobre 2020 nell’ambito dell’esame del disegno di Legge 1708 relativo all’istituzione delle zone franche montane in Sicilia presso la VI Commissione Finanze e Tesoro del Senato, presieduta da Luciano d’Alfonso,   era stato sentito il Prof Gaetano Armao, vice presidente della Regione Sicilia. La volontà politica è stata successivamente  espressa con chiarezza in Senato, con opportuno suggerimento alla commissione finanze e tesoro da parte dei Senatori Luciano d’Alfonso, Emiliano Fenu, Steni di Piazza già il 10 Novembre 2021.

I 158 comuni siciliani che costituiscono le “terre alte” , sono:

Acquaviva Platani – Agira – Aidone – Alcara Li Fusi- Alessandria della Rocca- Ali – Alia – Alimena – Altofonte – Antillo – Assoro – Basicò – Baucina – Belmonte Mezzagno – Bisacquino – Bivona – Blufi – Bompietro – Buccheri- Buscemi – Caccamo – Calascibetta – Caltabellotta – Caltavuturo –Cammarata – Campofelice di Fitalia – Campofiorito- Capizzi- Caronia- Casalvecchio Siculo- Cassaro- Castel di Lucio- Castellana Sicula- Castell’Umberto- Castelmola- Casteltermini- Castiglione di Sicilia- Castronovo di Sicilia- Castroreale- Cefalà Diana- Centuripe- Cerami- Cesarò- Chiaramonte Gulfi- Chiusa Sclafani- Ciminna- Contessa Entellina- Corleone- Erice Centro Storico- Ferla- Fiumedinisi- Floresta- Fondachelli-Fantina- Francavilla di Sicilia- Frazzanò- Gagliano Castelferrato- Galati Mamertino- Gangi- Geraci Siculo- Giardinello- Giarratana- Giuliana- Godrano- Gratteri- Grotte- Isnello- Itala- Leonforte- Lercara Friddi- Librizzi- Licodia Eubea- Limina- Linguaglossa- Longi- Lucca Sicula- Maletto- Malvagna- Mandanici- Maniace- Marianopoli- Marineo- Mazzarino- Mezzojuso- Militello Rosmarino- Milo- Mineo- Mirabella Imbaccari- Mistretta- Mojo Alcantara- Mongiuffi Melia- Montagnareale- Montalbano Elicona- Montelepre- Montemaggiore Belsito- Monterosso Almo- Motta Camastra- Motta d’Affermo- Mussomeli- Naro- Nicolosi- Nicosia- Nissoria- Nizza di Sicilia- Novara di Sicilia- Pagliara- Palazzo Adriano- Palazzolo Acreide- Pedara- Petralia Soprana- Petralia Sottana- Piana degli Albanesi- Piedimonte Etneo- Polizzi Generosa- Pollina- Prizzi- Raccuja- Ragalna- Randazzo- Regalbuto- Resuttano- Roccafiorita- Roccapalumba- Roccella Valdemone- Rometta- San Cono- San Fratello- San Giovanni Gemini- San Marco d’Alunzio- San Mauro Castelverde- San Piero Patti- San Salvatore di Fitalia- San Teodoro- Santa Caterina Villarmosa- Santa Cristina Gela- Santa Domenica Vittoria- Santa Lucia del Mela- Sant’Alfio- Sant’Angelo di Brolo- Santo Stefano Quisquina- Sclafani Bagni- Serradifalco- Sperlinga- Sutera- Tortorici- Trecastagni- Tripi- Troina- Tusa- Ucria- Valguarnera Caropepe- Valledolmo- Vallelunga Pratameno- Ventimiglia di Sicilia- Vicari- Villalba- Villarosa- Vizzini – Zafferana Etnea

DALLA SICILIA all’ ITALIA TUTTA..

Cesare Pavese, ci ricorda che: “Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra, c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarci”.

Perché allora non proseguire su questa strada, non proseguire nello sviluppare le opportunità di realizzare delle vere “città libere” nel resto del “Paese Italia” di Cesare Pavese ?

Link al progetto Siciliano:

www.zonefranchemontanesicilia.it/

CATEGORIE
TAG
Condividi

Commenti

Wordpress (0)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: