Sempre peggio la situazione economica ed occupazionale

La grave situazione economica è frutto della crisi che attanaglia l'isola e continua a falciare posti di lavoro.

nuovi-poveri-dicoppuati-inoccupati-licenziati.senza-lavoro-siciliaFanalino di coda la Sicilia dove è sempre peggio la situazione economica ed occupazionale. Gli ultimi dati statistici descrivono un’Isola in crisi profonda. Mentre vengono meno i posti lavoro cresce vertiginosamente l’esercito dei “nuovi” poveri. E’ la Sicilia, con il 32,5 per cento di famiglie indigenti contro una media nazionale del 26 percento, la regione più povera d’Italia. Peggio fa solo la Calabria, dove l’indice di povertà relativa risulta pari al 32,4 per cento. E’ quanto emerge da un’indagine dell’Istat sulla povertà in Italia nel 2013. Secondo lo studio, il numero di persone indigenti, nell’isola, è cresciuto di 2,5 punti percentuali rispetto al 2012, passando dal 29,6 percento al 32,5.

La grave situazione economica è frutto della crisi che attanaglia l’isola e continua a falciare posti di lavoro.  Il tasso di disoccupazione giovanile (tra i 15 e i 29 anni) in Sicilia ha avuto un’impennata per i maschi passando dal 25,47% del 2007 al 42,71% nel 2013, mentre il tasso di occupazione fra le giovani donne (tra i 15 e i 29 anni) è di appena il 12,23%. Il restante 87,77% è costituito da giovani donne disoccupate, inoccupate, in cerca di prima occupazione, ma anche i cosiddetti Neet, ovvero giovani che non studiano né cercano lavoro.

I dati emergono da uno studio presentato nei giorni scorsi a Palermo e realizzato dal dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche in collaborazione con Media & Service, partner del progetto “Upload” appena concluso. I risultati dell’indagine sono frutto dell’elaborazione dei dati di Unioncamere sulla domanda di competenze e professionalità richieste dalle imprese siciliane.

Se Il tasso di disoccupazione in Italia, dal 2007 al 2013, è praticamente raddoppiato passando dal 6,09% al 12,19%, altrettanto notevole è stato l’incremento registrato in Sicilia dove il valore ha raggiunto il 21,03%. Grave la situazione che interessa i giovani: se in Italia il tasso di disoccupazione giovanile raddoppia dal 2007 al 2013, passando dal 14,5 al 29,6%, in Sicilia lo stesso indicatore subisce un notevole incremento passando dal 28,4% del 2007 al 46% nel 2013. Il progetto Upload ha realizzato inoltre interventi di inclusione sociale a favore di soggetti in condizione di disagio a causa di povertà estrema.

I ragazzi selezionati hanno realizzato presso aziende del settore turistico 5 mesi di tirocinio formativo e 5 mesi di work-experience lavorativa nel settore della ristorazione e della ricezione con compenso di 8 mila euro. Il settore della ristorazione è uno dei settori col più alto numero di posti di lavoro disponibili.

CATEGORIE
TAG
Condividi

Commenti

Wordpress (0)