Cani in “trasferta”, niente paura; godono ottima salute

Intanto, a Marsala, cresce l'allarme cani randagi per le strade della periferia, ma anche in centro

cani-randagi-cattività-canile-trasferta-adozioneCani in “trasferta”, niente paura; godono ottima salute. I 24 anni randagi, in esubero presso il canile municipale di Marsala, mandati in una struttura pubblica del nord’Italia per l’adozione si trovano attualmente a Scicli, in provincia di Ragusa. A sostenerlo, in  una lettera inviata al sindaco, è l’ingegnere Francesco Patti.

Il tecnico del Comune di Marsala, riportando in calce alcuni passaggi di un documento ricevuto dall’Associazione Onlus Mamma Chiara, dichiara che i cani per il momento si trovano in una struttura con 15 mila metri quadri di area libera, sotto il controllo veterinario dell’Asp di Ragusa. Nei prossimi giorni i randagi marsalesi raggiungeranno la Lombardia, dove l’onlus provvederà a sistemare i 24 cani in altrettante abitazioni, dove possono trovare il calore di una famiglia, cure e cibo. Il trasferimento in altra sede dei cani si è reso necessario a seguito dell’aumento sproporzionato degli animali in cattività nel Canile Municipale di Marsala che è agibile per poco meno di 200 esemplari.

La lettera dell’ingegnere Francesco Patti risponde alle preoccupazioni, manifestate in una lettera della sezione Marsala dell’OIPA (Organizzazione Italiana Protezione Animali) che, insieme ad altre associazioni animaliste locali, aveva presentato un’istanza all’Amministrazione Comunale per avere delucidazioni circa la destinazione e la tracciabilità dei 21 cani prelevati, la condizioni di trasporto e i criteri di selezione dell’associazione incaricata per questo intervento. La lettera dell’OIPA di Marsala aveva destato preoccupazione tra i volontari delle associazioni di volontariato e fra quanti amano gli animali. In molti si interrogavano quale destino era stato riservato ai 21 cani randagi di marsala trasferito in nord’Italia di cui si temeva di aver perso ogni traccia. L’ingegnere Patti fa sapere che godono ottima salute in quanto, prima di essere trasferiti dal canile municipale di Marsala ad altra sede, erano stati vaccinati, sottoposti ad un check up veterinario e muniti di microchip per l’identificazione di ogni singolo animale. Tutto, come previsto dalla legge.

A Marsala, intanto cresce l’allarme cani randagi per le strade della periferia, ma anche in centro. Più volte, purtroppo, si è assistito a scene drammatiche con branchi di randagi che aggredivano altri cani a guinzaglio. In più occasioni si sono scagliati contro passanti. Seppure quella della cattività in un gabbia del canile municipale non è una bella soluzione è sempre meglio che qualcuno subisca gravi danni. La cronaca del nostro Paese è ricca di aggressioni di randagi a persone, e più di una volta c’è stato chi vi ha rimesso la vita.

CATEGORIE
TAG
Condividi

Commenti

Wordpress (0)