Aeroporto, chieste solo tre rotte, fra cui nessuna estera. Il flop de bando regionale

Solo tre destinazioni e tutte italiane quelle scelte dalle due compagnie aeree che hanno partecipato al milionario bando di “promozione” della Regione Sicilia. Un vero e proprio flop del Bando Regionale e l’ennesima battuta d’arresto per le aspettative turistiche della Sicilia Sud Occidentale, che tanto puntava sulle rotte internazionale.

Le buste, contenenti le offerte di Alitalia e di Blueair, erano soltanto tre: due della Compagnia aerea nazionale per le regioni Lazio e Lombardia e la terza, quella della compagnia Rumena, per il Piemonte.

E’ questo il risultato della prima analisi delle offerte per i voli da Birgi e Comiso effettuata dalla commissione valutatrice dell’Urega di Comiso, l’Ente che ha portato avanti il bando di gara con i fondi stanziati dalla Regione.

La commissione è presieduta dal dirigente del comune, Nunzio Miceli. La Regione ha stanziato per Trapani 11.235.000 euro oltre iva, per venticinque destinazioni (europee e nazionali). Queste somme avrebbero dovuto essere impiegate per promuovere iniziative pubblicitarie e di promozione turistica in venticinque regioni italiane ed europee. Un incentivo in più alle bellezze paesaggistiche e alla sana accoglienza dei luoghi per le compagnie aeree. Un invito non capito, o realmente poco redditizio per i vettori aerei per come posto nel bando pubblico. Tant’è che la maggior parte delle compagnie aeree hanno disertato.

Facendo due calcoli: Alitalia si è aggiudicata la Lombardia e il Lazio Roma è Milano), mentre BlueAir il Piemonte (Torino); per cui tre tratte su 25 equivale a 22 regioni scoperte, fra cui tutte quelle estere previste dal bando. Un vero e proprio fallimento della politica e di chi è stato chiamato a stilare il bando. Alla luce del flop della mancata copertura  del tempo perso non è difficile scommettere su un’altra disastrosa annata per il turismo. Sono sempre più lontani i tempi in cui l’aerostazione del Vincenzo Florio gestiva circa 2 milioni di passeggeri l’anno. Rimane solo il ricordo dei bei tempi andati e l’amaro in gola per  l’ennesima sconfitta mentre l’intero territorio ne esce sconfitto.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.