Vinitaly: 144 aziende siciliane a Verona

La Sicilia parteciperà al Vinitaly dal 15 al 18 aprile a Verona con uno spazio espositivo di circa tremila metri quadri all’interno del quale è previsto il “Palcoscenico Sicilia”, ovvero un’area business dedicata agli incontri con buyer e giornalisti provenienti da tutto il mondo oltre che alle attività di degustazione affidata a critici.
“Quest’anno – ha spiegato l’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera – la partecipazione delle cantine siciliane al Vinitaly non sarà più concertata dall’Istituto regionale della vite e dell’olio ma direttamente dalle associazioni di produttori vitivinicoli e dai consorzi di tutela, che hanno concordato la loro presenza direttamente con l’Ente Fiera di Verona”.
Le associazioni di produttori presenti al Vinitaly sono: la Providi e la Vitesi presenti con 59 aziende, Assovini presente con 42 aziende e il Consorzio Etna Doc presente con 43 aziende, per un totale di 144 aziende siciliane partecipanti. Le associazioni partecipano al Vinitaly nell’ambito dei rispettivi progetti, a valere sulla misura 3.2 del Prs 2014-2020 con una dotazione complessiva pari a 960 mila euro.
“L’assessorato – ha proseguito Bandiera – partecipa con un investimento istituzionale, all’allestimento esterno del padiglione 2 (che ospita la Sicilia) e dell’area business “Palcoscenico Sicilia”, all’interno del padiglione, che ha lo scopo di promuovere la partecipazione unitaria del vino siciliano di qualità nelle molteplici declinazioni dei suoi territori. Attività per la quale sono stati impegnati 240 mila euro.
Oltre al padiglione 2 dedicato alle cantine, sarà presente all’interno della Fiera anche uno spazio “Sol” all’interno del quale saranno presenti le aziende siciliane dell’olio, la cui partecipazione sarà curata interamente dall’assessorato.

La nostra isola rappresenta una delle regioni d’Italia più significative per la produzione di vino di qualità che ormai ci proietta tra le aree del Paese con il più alto appeal per appassionati ed addetti ai lavori, giornalisti e buyer”. Lo ha l’assessore per l’Agricoltura Edy Bandiera, alla conferenza stampa di presentazione della partecipazione siciliana alla fiera di Verona che si svolgerà dal 15 al 18 aprile. “Non è un mistero – ha proseguito – che dopo aver innescato un meccanismo di vero e proprio rinascimento alla fine degli anni ’90 del secolo scorso, oggi la Sicilia non solo ha consolidato le proprie posizioni nell’immaginario di chi vive di vino ma anche nella capacità di attrazione verso il consumatore finale”.

   “Tutto questo – ha concluso – grazie alle capacità imprenditoriali dei produttori, alla posizione geografica e alle condizioni climatiche che ci hanno consentito di creare un contest unico fatto di biodiversità, di terroir e di vitigni irripetibili in qualsiasi altra parte del pianeta. La Sicilia del vino non è replicabile altrove”.

(ANSA).

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.