Sicilia, tagli alle scuole: a rischio pulizia e collegamenti internet

La Regione taglia i finanziamenti alle scuole e, dopo l’allarme per la mancanza di banchi e sedie, i presidi ne lanciano un altro: le scuole rischiano di restare sporche, senza collegamento internet e col rischio di ritornare al registro cartaceo. Per il 2017/2018, i 742mila alunni siciliani rischiano di doversi accontentare di un servizio ridotto all’osso. Anche perché parecchie famiglie si rifiutano di pagare il contributo volontario richiesto dalle scuole, perché non possono o perché, come dicono,  “ci devono pensare gli enti locali”, e i dirigenti scolastici non sanno più cosa fare per fronteggiare i creditori.

Sono gli stessi capi d’istituto a spiegare a cosa si andrà incontro per effetto di questo ulteriore taglio. Anna Maria Catalano, preside del liceo scientifico Cannizzaro, dà un’idea della sforbiciata: “Per il 2018 prevediamo di potere contare su 18mila euro. Due anni prima, nel 2016, erano 56mila e nel 2013 addirittura 72,6mila. Avremo difficoltà a comprare perfino i detersivi – spiega – Ma anche i materiali per i laboratori, la carta per le fotocopie e a pagare i canoni”.

Ma non solo. “Il rischio è quello di lasciare le cose rotte – aggiunge Domenico Di Fatta, a capo del liceo delle scienze umane Danilo Dolci, a Brancaccio – Potremo spendere sempre di meno e tutto questo a discapito delle quotidiane attività. È messo in crisi il funzionamento quotidiano della scuola: si rischia di non poter pagare l’Adsl. Sarebbe interessante chiedere al candidati presidenti della Regione che intenzioni hanno nei confronti della scuola”. Anche Francesca Vella, preside del liceo classico Meli punta il dito contro i candidati a governatore. “Non mi pare – dice – di avere sentito da parte dei candidati alla presidenza della Regione impegni precisi per la scuola. Nel mio istituto di soli contratti spendiamo 45/50mila euro all’anno e la regione ce ne dà appena 24mila. Davvero non sappiamo che fine faranno le nostre scuole. Sono molto triste personalmente e molto preoccupata professionalmente”.

All’elementare Garzilli, comunica la dirigente Angela Mineo, “la guaina della copertura della palestra andrebbe sostituita, appena si infiltrerà l’acqua piovana la chiuderemo. E non potremo più effettuare nemmeno interventi-tampone sugli infissi”. Anche alla Garzilli sono parecchi i genitori che non pagano il contributo perché “dovrebbero pensarci gli enti locali”. Finanziamento-beffa alla Marconi che per i 4 mesi del 2017 ha ricevuto 180 euro. “Avrei preferito nulla”, dichiara il preside Claudio Leto che incalza: “Da parte della politica locale c’è una sottovalutazione clamorosa delle problematiche della scuola”. E nei quartieri difficili, se possibile, le cose si complicano. “L’anno scorso abbiamo ricevuto 12mila euro e quest’anno 8mila”, esordisce la preside dell’istituto comprensivo Sperone-Pertini, Antonella Di Bartolo. “Dovremo – continua – risparmiare su tutto: assicurazione degli alunni, contratti per la manutenzione delle fotocopiatrici, per il registro elettronico e per il collegamento internet, che il comune non paga. Per non parlare di detersivi e carta igienica. Abbiamo – 934 alunni e il contributo volontario lo hanno pagato in 120. Se potessi – ammette – non lo chiederei neppure e capisco le famiglie di questo quartiere ma non sappiamo più cosa tagliare”.

A spiegare i termini della questione il presidente regionale dell’Associazione nazionale presidi (l’Anp), Maurizio Franzò. “La Regione siciliana – spiega – con un artificio algebrico ha tagliato 8 milioni di euro per l’anno scolastico 2016/2017 spostandoli all’anno scolastico 2017/2018. Tutto questo – dice – è inaccettabile”. In un triennio le somme sono state dimezzate: 31milioni per l’anno scolastico 2014/2015, 27 milioni per il successivo e 16,8 per il 2015/2016. “Questo taglio – tuona Franzò – mette a rischio la stabilità dei servizi erogati dalle scuole siciliane nonché la fattibilità delle azioni poste in essere dalle scuole per recuperare il gap degli studenti siciliani rispetto agli studenti del resto d’Italia. Un continuo salasso che pagano gli studenti e le famiglie. Tutto questo – conclude – in controtendenza rispetto alle regioni a statuto ordinario che beneficiano degli stanziamenti erogati dalla legge 107/2015”. Il riferimento è al pacchetto Buona scuola che ha incrementato i fondi per il funzionamento didattico e amministrativo, ma soltanto oltre lo Stretto.

FONTE: REPUBBLICA

Leave a Reply

Your email address will not be published.