Marsala, città a rischio; Rodriquez chiede interventi per la messa in sicurezza

Il Consigliere Comunale Aldo Fulvio Rodriquez con una interrogazione chiede quali iniziative l’Amministrazione Comune ha posto in essere per fronteggiare eventi catastrofici e quali azioni di prevenzioni sono state adottate per ridurre la vulnerabilità e la messa in sicurezza di scuole ed edifici pubblici che potrebbero essere colpiti da terremoti e calamità naturali. In particolare il portavoce del Movimento 5 Stelle chiede all’Amministrazione Comunale di:
– mettere a disposizione le informazioni dovute, ragguagliando i cittadini circa l’attività di prevenzione in itinere o da avviare, in ossequio alla normativa antisismica nazionale e regionale, con particolare riferimento a quanto si evince dal Censimento sugli Edifici Pubblici strategici, soprattutto per le scuole;
– rendere edotta la cittadinanza sugli esiti della partecipazione all’Avviso Pubblico “Nuova programmazione degli interventi in materia di edilizia scolastica triennio 2018-2020 – Concessione di contributi per la messa a norma antincendio degli edifici scolastici”, per l’accesso ai finanziamenti comunitari-regionali per l’adeguamento sismico e la messa in sicurezza delle scuole e la  concessione di contributi per la messa a norma antincendio degli edifici scolastici;
– fornire le proprie valutazioni circa la sussistenza e rielaborazione di un Piano di Protezione Civile in conformità alla vulnerabilità del territorio di Marsala.

Il consigliere Rodriquez, chiede inoltre di conoscere lo stato e l’avanzamento dell’arte, e/o di eventuali, ulteriori lavori in corso sulle strutture scolastiche, in generale, stante il loro fatiscente stato di manutenzione (cedimenti strutturali di intonaci, cornicioni, delle palestre, lesioni interne ed esterne, impianti elettrici ed anti-incendio non adeguati, assenza impianti di vigilanza, di porte anti-panico e di certificazioni di agibilità).

Marsala è una città a rischio, tenuto conto che tutta la penisola è uno dei Paesi a maggiore pericolo sismico del Mediterraneo, per la sua particolare posizione geografica, nella zona di convergenza tra la zolla africana e quella eurasiatica. Inoltre mappa di pericolosità sismica, resa disponibile dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, indica la Sicilia come una delle regioni più pericolose per frequenza ed intensità di eventi calamitosi.

Per maggiori delucidazioni sulle preoccupazioni del pentastellato Rodriquez riportiamo qui di seguito il suo documento, integralmente per come ricevuto in redazione.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO 

“Al Sindaco

Il sottoscritto Aldo Fulvio RODRIQUEZ, nella qualità di consigliere comunale eletto presso il Comune di Marsala per la lista Movimento Cinque Stelle.

Premesso che

  l’Italia è uno dei Paesi a maggiore rischio sismico del Mediterraneo, per la sua particolare posizione geografica, nella zona di convergenza tra la zolla africana e quella eurasiatica;

la mappa di pericolosità sismica, resa disponibile dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, indica la Sicilia come una delle regioni più pericolose per frequenza ed intensità di eventi calamitosi;

pur tuttavia è noto ormai che detti avvenimenti hanno risvolti catastrofici non tanto per la loro intensità ma per l’inadeguatezza delle strutture;

Per contrastare i danni dovuti ad un terremoto è importante operare un’adeguata attività di prevenzione che passi attraverso la classificazione sismica, ovvero individuando la pericolosità e vulnerabilità sismica dei suoli e degli edifici e l’attuazione della normativa antisismica che imponga misure preventive alle strutture in base al potenziale rischio dei luoghi;

nello specifico e volendo entrare nel merito della situazione del nostro comune, occorre focalizzare maggiormente l’attenzione sulle strutture pubbliche e/o quelle destinate ad uso pubblico, con particolare riferimento alle scuole, laddove sicurezza, qualità ed accessibilità, sul piano strutturale, sono del tutto lacunose e presentano notevoli ritardi;

durante gli ultimi 2 anni sono usciti diversi bandi ministeriali in tal senso è non si è riusciuti a portare a casa nessun finanziamento per l’adeguamento-miglioramento sismico per nessuna scuola di Marsala, nonostante il sottoscritto più volte sollecitava l’ente a partecipare al bando per l’accesso ai fondi regionali per l’adeguamento sismico e la messa in sicurezza degli edifici scolastici;

va ribadita la necessità di svolgere al meglio l’opera di protezione civile, garantendo un efficace coordinamento con le amministrazioni a vari livelli e, nel contempo, delle forze designate per il soccorso all’emergenza e per il primo ripristino attraverso un piano di protezione aggiornato;

Considerato che

La Corte di Cassazione, sezione VI Penale, nella sentenza 8 gennaio 2018, n. 190, ha enunciato “con assoluta chiarezza che compete agli Enti locali verificare le condizioni di sicurezza degli edifici scolastici e disporne la chiusura, quando risultino privi del certificato antisismico”.

 – È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 29 marzo scorso il decreto a firma congiunta dei Ministri dell’Interno e dell’Istruzione con il quale si impartiscono indicazioni programmatiche per la messa a norma antincendio delle scuole e degli asili nido.

Il decreto prende atto che alla data del 31 dicembre 2017 è scaduto sia il termine di adeguamento alla normativa antincendio, più volte prorogato, degli edifici e dei locali adibiti a scuole di qualsiasi tipo, ordine e grado (prescrizioni indicate dal decreto del Ministro dell’interno del 26 agosto 1992) sia il termine di adeguamento degli edifici e locali adibiti ad asili nido (prescrizioni indicate all’art. 6, comma 1, lettera a, del decreto del Ministro dell’interno 16 luglio 2014).

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale (G.U. 04/04/2018, n. 78) il decreto del Ministero dell’economia e delle finanze (di concerto con Miur e Mit) 3 gennaio 2018 “Programmazione nazionale in materia di edilizia scolastica per il triennio 2018-2020”.

L’obiettivo di tale decreto è quello di favorire interventi straordinari di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento sismico, efficientamento energetico di immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica statale di proprietà degli Enti locali, nonché la costruzione di nuovi edifici scolastici pubblici e la realizzazione di palestre nelle scuole o di altri interventi per il miglioramento delle palestre scolastiche esistenti.

Dal 4 aprile le Regioni avranno 120 giorni per predisporre la programmazione regionale.

Il decreto autorizza gli Enti locali a stipulare appositi mutui con oneri di ammortamento a totale carico dello Stato. Tali mutui possono essere stipulati, sulla base di criteri di economicità e di contenimento della spesa, con:

Banca europea per gli investimenti (Bei)

Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa

Società Cassa depositi e prestiti Spa

Soggetti autorizzati all’esercizio dell’attività bancaria ai sensi del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385.

 -È disponibile sul sito del MIUR l’avviso pubblico che stanzia circa 145 milioni di euro in favore degli enti locali per effettuare le verifiche per la valutazione del rischio sismico e la progettazione di eventuali interventi di adeguamento nelle scuole che si trovano all’interno delle zone 1 e 2. Di questi, 100 milioni sono messi a disposizione dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e 45 dal Dipartimento Casa Italia della Presidenza del consiglio dei ministri.

CHIEDE

– Che, Responsabilmente, quest’Amministrazione Comunale:

Metta a disposizione le informazioni dovute, ragguagliando i cittadini circa l’attività di prevenzione in itinere o da avviare, in ossequio alla normativa antisismica nazionale e regionale, con particolare riferimento a quanto si evince dal Censimento sugli Edifici Pubblici strategici, soprattutto per le scuole;

Renda edotta la cittadinanza sugli esiti della partecipazione all’Avviso Pubblico “Nuova programmazione degli interventi in materia di edilizia scolastica triennio 2018-2020 – Concessione di contributi per la messa a norma antincendio degli edifici scolastici.”, per l’accesso ai finanziamenti comunitari-regionali per l’adeguamento sismico e la messa in sicurezza delle scuole e la  concessione di contributi per la messa a norma antincendio degli edifici scolastici..

Nel caso di accoglimento delle istanze, lo stato e l’avanzamento dell’arte, e/o di eventuali, ulteriori lavori in corso sulle strutture scolastiche, in generale, stante il loro fatiscente stato di manutenzione (cedimenti strutturali di intonaci, cornicioni, delle palestre, lesioni interne ed esterne, impianti elettrici ed anti-incendio non adeguati, assenza impianti di vigilanza, di porte anti-panico e di certificazioni di agibilità);

3) Fornisca le proprie valutazioni circa la sussistenza e rielaborazione di un Piano di Protezione Civile in conformità alla vulnerabilità del territorio di Marsala;

Con l’occasione porgo distinti saluti.
 Il Consigliere Comunale
Arch. Aldo Fulvio Rodriquez”

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.