Mafia, intimidazioni a un consigliere comunale di Castelvetrano

A pochi giorni dall’ultima operazione antimafia ‘Anno Zero’, le intercettazioni ambientali svelano e confermano come la mafia castelvetranese ha avuto nel mirino e progettava nuovi atti intimidatori nei confronti del consigliere comunale del PD Pasquale Calamia per le posizioni pubbliche contro la consorteria mafiosa assunte in questi anni di militanza politica. Tutto il PD si schiera al suo fianco perché la battaglia per liberare il territorio trapanese dal giogo della criminalità mafiosa è da sempre anche la nostra. Una battaglia che va combattuta insieme per il riscatto delle nostre comunità da chi soffoca ogni possibilità di sviluppo legale e tenta di intimidire ogni voce di dissenso e contrarietà”.

E’ quanto si legge in un comunicato stampa del Partito Democratico, sottoscritto dal segretario regionale Fausto Raciti, dal segretario provinciale Marco Campagna e dal segretario del Pd di Castelvetrano, Monica Di Bella.

“Esprimo piena solidarietà a Pasquale Calamia. Le recenti notizia di stampa a proposito di quanto emerso nel corso della recente operazione antimafia nel territorio del Trapanese sottolineano, ancora una volta, i rischi che ha corso e che continua a correre Calamia per avere intrapreso un coraggioso percorso di denuncia e di sostegno alla legalità in un territorio complesso come quello di Castelvetrano”. Lo dice Giuseppe Lupo, presidente del gruppo PD all’Ars. “Il Pd è al suo fianco – aggiunge Lupo – la sua tenacia nel non cedere di fronte a continui segnali intimidatori è un esempio da seguire”.

 

Fonte www.gds.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.